La polizia municipale e il sindaco

da Anzolanotizie n. 164

logo movimento

Dell’ennesima polemica che ha visto protagonista il sindaco Veronesi, stavolta riferita all’operato degli agenti della PM, gli organi di stampa hanno riportato soltanto la sua replica ad un comunicato del sindacato di categoria UIL-FPL della PM di Terre d’Acqua (vedi Il Resto del Carlino del 11/10/15) omettendo però di pubblicare le ragioni dalle quali quella replica traeva spunto. “Lavori e ti tirano le pietre” – Bologna, 9/10/ 2015 “Gentile Sig. Sindaco Giampiero Veronesi, abbiamo letto, come molti, sulla pagina Facebook del Comune di Anzola dell’Emilia, il suo personale commento sulla “vicenda” delle sanzioni emesse da un agente di Polizia Municipale nei confronti di una associazione di volontariato del territorio. Dobbiamo ammettere con stupore che mai ci è capitato (e speriamo mai ci ricapiti in futuro) di vedere un Sindaco commentare negativamente l’operato di un dipendente pubblico “reo” di aver doverosamente applicato le norme e i regolamenti. Infatti caro Sindaco lei scrive: Partiamo dal presupposto che l’agente di polizia municipale che ha fatto quella sanzione a mio avviso HA SBAGLIATO e non doveva farla. Se infatti la sanzione in sé e per sé poteva essere formalmente corretta, esistono però anche ragionevolezza e buon senso che qui sono mancati. Quindi secondo lei il dipendente pubblico che applica le norme con imparzialità sbaglia? Doveva forse girare la testa dall’altra parte? Doveva “interpretare” il codice della strada? Continuando lei scrive: Detto questo è importante però che si sappia che quell’agente era del corpo intercomunale di polizia di Terre d’Acqua, quindi non era un agente di Anzola (come è stato erroneamente detto) perché non esiste nemmeno la Polizia Municipale di Anzola, facendo noi parte dell’Unione dei comuni di Terre d‘acqua. Questo è importante saperlo e capirlo perché altrimenti non si capisce un’altra cosa fondamentale. Io sono il sindaco di Anzola e non ho il potere di annullare sanzioni irrogate dalla polizia intercomunale di Terre d’Acqua. Questo passaggio è per noi di oscura interpretazione, Anzola fa parte dell’Unione Terre d’Acqua che ha creato il Corpo Unico di Polizia Municipale (nella cui Giunta lei ha tale delega) che però allo stesso momento non è corpo di polizia municipale del SUO Comune? Quindi cosa sarebbe giuridicamente: un corpo di occupazione? Inoltre, sempre cercando di interpretare il suo scritto, lei afferma di non poter annullare sanzioni irrogate dal corpo intercomunale, ma quindi se fosse un servizio di polizia municipale non intercomunale ma solo anzolese lei potrebbe annullare sanzioni. A noi non risulta… In seguito scorrendo il suo commento: il giorno stesso in cui è stata fatta quella sanzione ho subito chiamato il comandante facendogli presente che io, come avvocato e non come sindaco, farò ricorso gratuito per i ragazzi affinché venga annullata la sanzione. Questo passaggio ci è molto chiaro rispetto al precedente, ma quanto meno lei in tal modo prospetta un atto inusuale (ma legittimo), ovvero come avvocato farà ricorso verso una sanzione emessa da un servizio facente parte di un Ente di cui lei stesso è l’Amministratore? Continuando e concludendo lei scrive: Confido comunque ancora nella ragionevolezza del corpo di polizia municipale affinché, ove possibile, la annullino direttamente loro in via diretta. Tutto questo per dirti che come sindaco non ho nessuna responsabilità e nonostante questo ho fatto davvero tutto il possibile per risolvere il problema (e nella sostanza l’ho pure probabilmente risolto). Poi concordo con chi ha detto che ci sono singoli agenti di polizia municipale che davvero dovrebbero ripensare sia ai loro comportamenti sia ai loro rapporti con i cittadini anzolesi. Ci tengo però anche a dirti che questi singoli atteggiamenti non rendono giustizia alla quasi totalità degli altri agenti che sono persone corrette e fanno in modo giusto ed equo il loro lavoro. Sono sempre a disposizione per qualunque chiarimento. Non avrei risposto se non mi fosse stato richiesto in modo diretto ed ho voluto solo chiarire il contesto, in modo che eventuali osservazioni siano fatte conoscendo la situazione. Grazie. Anche in questo caso abbiamo delle domande: quindi emettere una sanzione crea un “problema”? Pensavamo che in tale momento storico i problemi degli Amministratori locali fossero ben altri, inoltre ci chiediamo anche a comprendere in cosa consiste la SUA differenziazione tra agenti che “sono persone corrette” e… gli altri che a questo punto e seguendo il suo ragionamento, sono persone scorrette? Vede signor Sindaco, noi pensiamo che le persone corrette siano coloro che ogni giorno fanno coscienziosamente il proprio lavoro nell’unica maniera possibile che esiste: applicando la legge, perché nell’applicarla la rispettiamo e non crediamo che d’ora in poi nel fare ciò dobbiamo prima pensare se ciò “aggrada” al Sindaco o ad altri, infatti i suoi doveri di Amministratore pubblico sarebbero quelli di indirizzo, quindi pro-attivi e non votati a spingere verso comportamenti omissivi. Riteniamo inoltre che se un lavoratore fa semplicemente il proprio lavoro non debba per questo essere messo alla berlina su social network o in altri pubblici modi, posto in tal modo quale agnello sacrificale di un populistico malcontento.” Nella speranza di avere una sua risposta le porgiamo i nostri saluti.” Sperando di esserci resi utili nell’informare tutti lasciamo a voi, cittadini Anzolesi, le dovute riflessioni.

Il Gruppo Movimento 5 Stelle

 

Annunci

Pubblicato il marzo 23, 2016, in Giornalino con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: